163

Soffro di autismo emozionale,

imprigionata in selezioni

categoriche, circondate

da mura di musicassette.

.

Infilo il mignolo e srotolo

il nastro intarsiato di note,

poiché le antenne percettive

dell’orecchio interno le impiego

solo per restare in piedi.

Necessario mi è l’equilibrio

per calibrarmi su una rotta

cortese, corretta a penna blu

come il cielo che spesso perdo.

.

La pellicola musicata

mi avvolge come una cortina

di fumo bronzeo da inalare

e dentro me diventa muro

-o bara- da abbattere in fretta.

O almeno un poco da sfogliare

per lasciar che entri quella luce

che le selezioni spengono.

.

Imprigionata in categorie

emotive come una mosca

che vola dentro i suoi quadrati

aerei e mentali, mi trattengo

dall’inutile rincorrere

la coda che scappa ancora.

Annunci

2 commenti »

  1. aal Said:

    Scrivi davvero bene, le tue parole emzionano per significato e forma.

    • lumega Said:

      Ti ringrazio davvero aal. Le parole che mi dici sono le stesse che io sento di dire a te.
      Trovo confortante, in questo mondo di troppe parole, questa reciproca stima per lo scrivere e la stessa intensità nel leggerci.
      A presto!


{ RSS feed for comments on this post} · { TrackBack URI }

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: